Home Adunata In visita a Pineto

In visita a Pineto

17

La città di Pineto (Teramo) ha ospitato, il 27 e 28 dicembre scorsi, alcuni presidenti delle Sezioni ANA provenienti da diverse parti d’Italia. L’evento è stato ideato e organizzato dall’amministrazione cittadina in collaborazione con numerose associazioni locali. «Abbiamo fortemente voluto questo incontro per far conoscere il nostro splendido territorio, in vista dell’88ª Adunata Nazionale che si svolgerà il prossimo mese di maggio a L’Aquila», ha dichiarato il sindaco Robert Verrocchio.

Nel corso del fine settimana gli ospiti hanno visitato Pineto e il meraviglioso contesto dell’area marina protetta di Torre di Cerrano, prendendo parte alla cerimonia solenne nella cattedrale di Atri, organizzata per la “festa del ringraziamento” dal gruppo di Atri capeggiato dal vice presidente regionale Alvaro Guardiani. La cerimonia si è conclusa in cattedrale con l’esibizione del coro alpino Stella del Gran Sasso del gruppo di Isola del Gran Sasso. A questa due giorni hanno partecipato anche il vice presidente nazionale Angelo Pandolfo, i consiglieri nazionali Salvatore Robustini e Antonello Di Nardo, il presidente della sezione Abruzzi Giovanni Natale e il presidente del Comitato Organizzatore dell’Adunata 2015, Luigi Cailotto (nella foto).

«La città di Pineto ha molto da offrire, un territorio fra mare e monti con una pineta litoranea fiore all’occhiello per il nostro turismo balneare, ideale soprattutto per le famiglie» ha spiegato il sindaco Verrocchio. «Il nostro obiettivo è quello di far conoscere Pineto a coloro che prevedono di partecipare alla prossima Adunata e non solo, preparandoci ad offrire un’accoglienza all’altezza delle aspettative». Calorosa è stata la risposta degli Alpini che hanno voluto rendere omaggio alla città con la loro presenza, con i loro vessilli e gagliardetti. «Mi sento di dire grazie a tutti gli amici Alpini. È stato un grande onore averli ospiti nella nostra città», ha concluso il primo cittadino.


Acque cristalline e verde rigoglioso

Pineto deve il suo nome alla rigogliosa pineta a ridosso del mare fatta piantare agli inizi del Novecento dalla famiglia Filiani di Atri su suolo demaniale ottenuto in concessione. Questa illustre famiglia atriana possedeva nella località, all’epoca quasi spopolata, una bella villa e per tale ragione il luogo era conosciuto come Villa Filiani. Negli anni ’20 appartenne al comune di Atri prima e a quello di Mutignano poi. Nell’immediato primo dopoguerra si sviluppò notevolmente, tanto da divenire capoluogo del municipio di appartenenza mutando il proprio nome in Pineto.

Attualmente è una frequentata località balneare tra le più apprezzate del medio Adriatico e dal 2006 è insignita della bandiera blu d’Europa che certifica la qualità delle acque e l’alto livello dei servizi offerti. In città sono presenti numerose strutture alberghiere e di ristorazione, locali di intrattenimento, stabilimenti balneari e alcuni campeggi. Sempre nel territorio comunale si può ammirare la Torre di Cerrano (nella foto), uno dei fortilizi costieri meglio conservati dell’intera riviera abruzzese che attualmente ospita la sede di un centro di biologia marina.

Il 21 novembre 2010 è stato riaperto al pubblico il Parco Filiani, un’area verde collinare originariamente creata tra le due guerre da Luigi Corrado Filiani, percorsa da sentieri e vie ciclopedonali.