Home Adunata Adunata del Piave: Questura, 118, Contarina, Mom presenti alla riunione del COA

Adunata del Piave: Questura, 118, Contarina, Mom presenti alla riunione del COA

4

#alpiniadunata2017

Incontro super partecipato sabato pomeriggio a Vazzola per il COA, Comitato Organizzatore della 90ª Adunata Nazionale Alpini, l’Adunata del Piave-Treviso 2017. Nelle cantine Maschio si è svolto l’appuntamento mensile in preparazione del grande evento che si svolgerà a Treviso dal 12 al 14 maggio 2017. Stavolta accanto ai componenti del COA, presieduto da Luigi Cailotto, si sono seduti i rappresentanti della Questura (dottor Valerio Soldà dirigente a Conegliano), dell’Ulss 9 (il dottor Paolo Rosi direttore del 118 e i dottori Fieramosca e Pietrangeli), di Contarina (presidente Franco Zanata e direttore generale Michele Rasera), di MOM (vice direttore Giuseppe Zampieri insieme al funzionario D’Agostino).

Inoltre è giunto il presidente della Sezione ANA di Trento Maurizio Pinamonti che ospiterà l’Adunata Nazionale Alpini nel 2018, il colonnello Maurizio Plasso (per il Comando Truppe Alpine) che ha superivisionato i percorsi delle sfilate e il luogo in cui sarà allestita, durante l’Adunata di Treviso, la Cittadella Militare. E ancora hanno partecipato ai lavori, tra gli altri, l’ing. Luigi Bossi dell’Associazione Volontari Protezione Civile A2A e Sergio Rizzini direttore generale dell’Ospedale da Campo ANA che troverà collocazione accanto alla Cittadella Militare, in coordinamento con gli uomini e le strutture dell’Azienda sanitaria trevigiana.

“Durante l’Adunata funzioneranno sia l’ospedale da campo, sia i Posti Medici Avanzati distribuiti in città per garantire la migliore assistenza alle tante persone che giungeranno a Treviso in quei giorni” spiega Rizzini che coordina il Gruppo intervento Medico Chirurgico dell’ANA nazionale. L’ospedale da campo sarà in grado di accogliere codici bianchi,gialli e rossi, anche se verrà coinvolto soltanto in caso di emergenza e in assoluto accordo con il 118 e le strutture dell’Ulss 9, presenti con uomini e mezzi in città. Importante nel quadro che si sta delineando, anche il supporto della Protezione Civile.

Presenti inoltre l’alpino avv. Andrea De Checchi della Sez. ANA di Treviso quale riferimento nel COA per gli aspetti legali e l’ing G. De Marchi per la TOI TOI con cui si sta pianificando il servizio relativo ai servizi igienici.

“La presenza numerosa dei rappresentanti di enti, istituzioni, consorzi, Forze dell’Ordine e dirigenti sanitari testimonia la nostra volontà di coinvolgere il territorio” commenta il presidente del COA Luigi Cailotto, soddisfatto per “la sensibilità dimostrata nel rispondere con impegno ed entusiasmo all’organizzazione condivisa di un evento che lascerà il segno”.

L’incontro di sabato, a cui erano presenti il sindaco di Vazzola Piera Cescon e il direttore generale delle cantine Maschio Gabriele Cescon, è stato inaugurato in musica dal musicista alpino Claudio Comuzzi ed ha visto presentare in anteprima un dono solidale legato all’Adunata. Si tratta della riproduzione di una gavetta metallica contenente un sacchetto di Cuche del Piave (dolcetti trevigiani con le noci) e una bottiglia di prosecco Maschio. Il ricavato andrà alla Comunità Sinistra Piave onlus espressione della Conferenza dei 28 sindaci del territorio dell’Ulss 7. In occasione dell’Adunata le 4 Sezioni promotrici (Treviso, Conegliano, Vittorio Veneto, Valdobbiadene) sceglieranno un’associazione che opera nel sociale a cui devolvere la cifra raccolta.

Il Comitato Organizzatore nella riunione di dicembre.