Home Truppe Alpine Il saluto del comandante delle Truppe Alpine alla Julia

Il saluto del comandante delle Truppe Alpine alla Julia

116

Il 7 febbraio scorso il comandante delle Truppe Alpine, generale di Corpo d’Armata Ignazio Gamba, ha voluto salutare le penne nere in servizio al Comando brigata Julia nella sede che lo vide comandare una delle brigate più prestigiose dell’Esercito.

Accompagnato dal comandante della Julia, gen. B. Franco Del Favero, ricevuto dal Vice Comandante della Julia, da un picchetto del 14° Reparto Comando e Supporti Tattici Alpini e dal sottufficiale di Corpo della Julia 1° luogotenente Igor Pizzolato, la visita del numero uno delle Truppe Alpine dell’Esercito alla caserma Di Prampero è proseguita con un saluto ai presenti ed è stata molto emozionante. Con la Julia il gen. Gamba è stato impiegato anche in Afghanistan nel 2013, ad Herat, nell’ambito della missione Nato Isaf, la terza missione delle penne nere Friulane, che in quel teatro operativo sono state impiegate ben cinque volte.

In quasi tutte le sedi dei reparti dipendenti in Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige erano presenti i labari, i presidenti ed i rappresentanti delle locali Sezioni ANA.

Il generale Gamba, che lascerà tra qualche settimana il servizio attivo, nel suo indirizzo di saluto al personale del Comando Brigata ha sottolineato la elevata operatività raggiunta dagli alpini, dal 1982, anno in cui si è arruolato, sino ad arrivare ai giorni nostri, dopo ben 42 anni di trasformazioni e ristrutturazioni che negli anni sono state attuate. Si è raccomandato con i più giovani affinché seguano comandanti, sottufficiali di Corpo e cappellani militari e li considerino loro punti di riferimento

Dopo il saluto alla “Di Prampero”, le penne nere della “Julia” hanno ricevuto il comandante delle Truppe Alpine in tutte le sedi dei Reggimenti dipendenti, accompagnato dal Comandante della Julia, dove ad aspettarlo assieme ai comandanti di reggimento, i sottufficiali di Corpo e agli effettivi dei reggimenti schierati con le Bandiere di guerra: al 14° RCST di Udine, all’8° Alpini di Venzone, (UD) al 3° Artiglieria di Remanzacco (UD), al Piemonte Cavalleria 2° di Villa Opicina (TS), al 2° genio guastatori di Trento, al logistico Julia di Merano (BZ) ed al 5° alpini di Vipiteno (BZ). Le visite di saluto del numero uno delle Truppe Alpine sono iniziate la mattina del 7 a Belluno con il saluto agli alpini del 7° reggimento.