Home Lombardia Lecco Verso la riapertura dello storico rifugio Cazzaniga-Merlini ai Piani d’Artavaggio

Verso la riapertura dello storico rifugio Cazzaniga-Merlini ai Piani d’Artavaggio

231

Sono Davide Luzzani e Valery Gurini, giovani valtellinesi rispettivamente di 31 e 26 anni, i nuovi gestori del Rifugio Cazzaniga-Merlini ai Piani di Artavaggio, di proprietà della Sezione di Lecco dell’Associazione Nazionale Alpini. Valery e Davide hanno già alle spalle non poche esperienze sia in rifugi d’alta montagna che in strutture ricettive della loro valle. Originari di Bormio e di Valdidentro, hanno ora deciso di intraprendere insieme l’attività di gestori di rifugio, mossi dalla passione per il loro lavoro e dall’amore per la montagna. La commissione incaricata di selezionare i responsabili della nuova conduzione del Cazzaniga-Merlini li ha scelti dopo aver esaminato le ben 24 proposte pervenute nell’estate scorsa.

La riapertura del rifugio, posto a poco meno di 2.000 metri di quota, è prevista entro questa estate, una volta definitivamente completati i lavori di ammodernamento e messa a norma che hanno interessato tutta la parte destinata ad attività ricettiva, e ultimata la sistemazione dei nuovi arredi. La gran parte degli interventi, che si protraggono ormai da oltre un anno e che sono stati complicati dalle recenti tardive nevicate, è stata direttamente coordinata dalla Sezione Ana di Lecco ed effettuata grazie al lavoro gratuito ma non per questo meno professionale di tanti alpini e di tanti amici delle penne nere. A partire dall’estate scorsa si è provveduto in particolare all’adeguamento e al miglioramento di sala da pranzo e camere da letto, di bagni e servizi igienici, alla nuova piastrellatura del salone ristorante, alle finiture delle finestre e al ripristino delle persiane. Rifatti pure impianto elettrico e rete idraulica, mentre sono stati attuati tutti gli interventi necessari al rispetto delle norme di sicurezza interne ed esterne allo stabile. In vista della riapertura si sta anche procedendo al rinnovamento di arredi e suppellettili necessari all’attività di ristorazione e accoglienza.

Posto su uno sperone roccioso a oltre 1.900 metri di quota, in un punto che consente di spaziare con la vista sulle Prealpi e gran parte dell’arco alpino occidentale, il Cazzaniga-Merlini è storico punto di riferimento e frequentata meta non solo per le penne nere lecchesi – che a luglio celebrano qui il loro annuale raduno sezionale – ma anche per i numerosissimi escursionisti che frequentano la zona tanto d’estate che d’inverno.