Nella tana dei “Lupi”

0

Una porta alla fine di una ripida scalinata. Il presidente Perona la apre ed entra nella tana dei “Lupi dell’Assietta”. Nel corridoio c’è il capitano Luca Del Sole, che il giorno precedente aveva accompagnato gli alpini dell’ANA in pattuglia. Attende accanto all’enorme stemma in legno che replica le insegne della 34ª Compagnia; è stato scolpito dall’alpino Marco Selva durante la missione degli alpini di leva in Mozambico, nel 1993, ed è stato portato in Afghanistan dal Piemonte. Un abbraccio, tanti sorrisi e strette di mano. Sembra una camerata di quando eravamo a naja e, se non fosse per i nostri capelli un po’ più bianchi, dallo spirito dell’incontro si potrebbe trattare di un ritrovo tra commilitoni.

Scuola non è più tabù

0

“We stay to make, not making to stay! Thank you to coming and hard working of, Alpini” (letteralmente “restiamo per fare, non facciamo per rimanere! Grazie per essere venuti e per il duro lavoro, Alpini). Con questa scritta sulla lavagna di un’aula la delegazione dell’ANA viene accolta da un centinaio di studentesse del liceo femminile Mehri Heravi, in cui dodicimila ragazze dai 7 ai 19 anni possono avere un’istruzione scolastica, un vero tabù per l’Afghanistan fino a qualche tempo fa.

Sulle piste afgane, con gli alpini

0

Cielo azzurro, montagne brulle e villaggi di fango e paglia che si mimetizzano con l’ambiente circostante. Oggi, nell’anno 1391 del calendario persiano, l’Afghanistan cerca a fatica di uscire dal suo medioevo, formato da feudi in cui i capi tribù hanno diritto di vita e di morte e un potere su ogni cosa, contrastato a fatica e a corrente alternata dal governo centrale della Repubblica islamica e dalle sue leggi. Da un decennio le forze multinazionali di Isaf, con l’Italia in prima linea, sono impegnate a contrastare gli insorti, appartenenti a organizzazioni militarizzate della criminalità o del fondamentalismo che lottano per evitare qualsiasi progresso sociale, tecnologico o economico. Perché progresso significa perdere il controllo del potere e dei propri traffici.

Il cordoglio per il capitano Ranzani

0
Esprimiamo il cordoglio ai parenti del capitano Massimo Ranzani, caduto in terra afgana. Lungo è l'elenco delle penne nere ferraresi che hanno onorato la...

Messa a Leggiuno e Arzignano in suffragio al cap. Ranzani

0

Domenica 6 marzo, alle ore 17,15, le sezioni di Varese e di Luino celebreranno nell'Eremo di Santa Caterina del Sasso Ballaro di Leggiuno una Messa in suffragio al capitano Massimo Ranzani, alpino del 5º Rgt. Alpini della 'Julia' caduto in Afghanistan.

Conclusa la missione del 7 in Afghanistan

0

Tornano in Patria il 7º reggimento alpini, comandato dal col. Paolo Sfarra, il 2º reggimento Genio alpini guastatori di Trento e il 232º reggimento Trasmissioni di Avellino al termine della missione alla Task Force South East, in Afghanistan, iniziata nel settembre dell'anno scorso. Il 7º reggimento era stato il primo a partire, anticipando la partenza del resto dei reparti della Julia, rimasti ancora ad Herat. È stata una missione molto dura e impegnativa, nella quale il reggimento ha perso cinque alpini, ricordati per nome durante la cerimonia di commiato: Gianmarco, Marco, Sebastiano, Francesco e Matteo.

Un altro alpino della Julia caduto in Afghanistan

0

Era in forza al 7° reggimento alpini a Belluno il caporal maggiore Matteo Miotto, ventiquattrenne di Thiene, socio ANA impegnato nel progetto giovani e nella diffusione della cultura e dello spirito alpino nelle scuole con la Sezione di Vicenza. Miotto si trovava in Afghanistan da luglio. Assieme agli uomini del suo reparto e a una componente del genio era impiegato nella Task Force South East, la task Force italiana che dal primo settembre ha iniziato ad operare nell'area al confine con l'Helmand. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, ha riferito che il soldato 'era di guardia a una torretta della base italiana a sud della zona sotto controllo italiano, quando un colpo di fucile sparato da lontano da un cecchino lo ha colpito a un fianco, proprio in una parte del corpo non protetta'.

Messa in suffragio ai Caduti a Belluno, sede del 7 Alpini

0

Domani 12 ottobre alle ore 18,30 il vescovo di Belluno e Feltre, monsignor Giuseppe Andrich, celebrerà in Duomo a Belluno una Messa in suffragio alle penne nere del 7° Alpini, Cadute in Afghanistan sabato scorso.

Alpini uccisi in Afghanistan: il cordoglio dell'Associazione

0

L'Associazione Nazionale Alpini è vicina alle famiglie e agli amici dei quattro alpini del 7º reggimento della 'Julia', uccisi il 9 ottobre in Afghanistan: sono i 1º caporal maggiori Francesco Vannozzi, 26 anni, toscano, Gianmarco Manca, 32 anni, di Alghero (Sassari), Sebastiano Ville, 27, di Francofonte (Siracusa) e il caporal maggiore Marco Pedone, 23 anni, salentino.

182,518FansMi piace
6,806FollowerSegui
5,186FollowerSegui
15,700IscrittiIscriviti

Ultime News